in ,

Ozzy Osbourne: «Tutto quello che tocco si sta trasformando in merda»

All’ex Black Sabbath è stata diagnosticata una grave infezione, rinviato il concerto all’Unipol Arena: «Prometto che il tour con i Judas Priest riprenderà»

Ozzy Osbourne

Ozzy Osbourne è stato costretto a posticipare l’intera leg europea e inglese del suo No More Tours 2 su ordine dei medici. Dopo esser stato costretto a posticipare le prime qattro date a causa di una grave influenza, a Osbourne è stata diagnosticata una grave infezione del tratto respiratorio superiore. Su consiglio dei medici che ritengono possa evolvere in polmonite e data la fatica fisica delle esibizioni e il lungo programma di viaggio in tutt’Europa in inverno, l’artista è stato costretto a posticipare la leg.

Ozzy Osbourne ha così commentato: «Sono completamente devastato per aver dovuto posticipare la tappa europea del mio tour. Sembra che da ottobre tutto quello che tocco si sia trasformato in merda. Prima l’infezione da stafilococco sul pollice e ora l’influenza e la bronchite. Voglio scusarmi con tutti i miei fan che sono stati così fedeli nel corso degli anni, con la mia band, la mia crew e i Judas Priest. Tuttavia, prometto che il tour con i Judas Priest riprenderà. Stiamo lavorando in questo momento per riprogrammare le date a settembre. Di nuovo, mi scuso con tutti. Che Dio vi benedica».

Rinviato quindi anche il concerto previsto per il 1° marzo all’Unipol Arena di Bologna: ulteriori conferme sulla nuova data verranno rilasciate il prima possibile.