in

La guida completa agli album del 2019

Il 2019 sarà l’anno dei grandi ritorni: confermati i nuovi lavori in studio di Bruce Springsteen, Liam Gallagher, The Cure e Lana Del Rey. Nella lunga lista anche Tiziano Ferro, Rolling Stones, Tool e Coez

Bruce Springsteen, foto di Alexi Lubomirski

PEARL JAM

Il tour europeo della scorsa estate ha costretto la band di Seattle a posticipare la data di uscita del successore di Lightning Bolt. Stando a quanto dichiarato da Jeff Ament, bassista del gruppo, l’undicesimo lavoro in studio dei Pearl Jam vedrà la luce quest’anno è sarà un album «davvero buono».

TOOL

Stavolta sembra sia vero: i Tool stanno per pubblicare un nuovo album d’inedito, il primo dal 2006, anno d’uscita di 10.000 Days. La data di pubblicazione è ancora top secret ma è facile immagine che sarà messo in commercio prima del Rockville Festival del 5 maggio, prima data del tour mondiale che farà tappa in Italia il 13 giugno in occasione del Firenze Rocks.

ROLLING STONES

Proprio così, potrebbe uscire quest’anno, dopo il tour negli stadi americani, il nuovo album della band di Mick Jagger. Nulla di certo, per ora, ma in un’intervista concessa a Rolling Stone, Keith Richards ha confermato le indiscrezioni.

LIAM GALLAGHER

Anche l’ex Oasis tornerà sul mercato con un nuovo lavoro in studio che sta registrando proprio in questi giorni a Los Angeles. L’album che segue il successo di As You Were uscirà a settembre, subito dopo il tour estivo che lo terrà impegnato in Europa.

BRUCE SPRINGSTEEN

In occasione dell’ultimo show a Broadway, Springsteen ha fatto sapere di essere pronto a pubblicare il suo nuovo album di inediti, il primo da High Hopes uscito nel 2014: «Più che un disco solista, sarà un album da cantautore», ha precisato il rocker del New Jersey.

THE CURE

Dopo oltre dieci anni di stop dagli studi di registrazione (l’ultimo loro lavoro risale al 2008), i Cure di Robert Smith stanno per tornare con un nuovo disco d’inediti, il quattordicesimo della loro lunga carriera iniziata nel 1976. «Vedendo tutte queste nuove band ne ho ascoltate alcune e ne ho incontrate molte e questo mi ha in qualche modo ispirato a fare qualcosa di nuovo», ha detto Smith ai microfoni dell’emittente statunitense SiriusXM, concludendo: «Quindi sì, abbiamo intenzione nelle prossime sei settimane di finire quello che sarà il nostro primo album in più di un decennio. È un periodo elettrizzante per noi». La data d’uscita? Verosimilmente la prossima primavera, prima del lungo tour mondiale che inizierà con due date extra a marzo in Africa.

 

BACKSTREET BOYS

Ha invece un titolo è una data d’uscita il nuovo lavoro del gruppo statunitense. DNA, in uscita in versione fisica e digitale il 25 gennaio per RCA Records, sarà il decimo album dei Backstreet Boys e conterrà pezzi scritti da Lauv, Andy Grammer, Stuart Crichton e Mike Sabbath.

THOM YORKE

Suspiria è stato per il frontman dei Radiohead solamente un assaggio di quello che uscirà quest’anno. Thom Yorke, intervistato dal quotidiano spagnolo El Mondo, ha annunciato l’uscita a breve di un nuovo album solista che sta «cercando di finire» proprio in questi giorni con il produttore Nigel Godrich. «Non ho il desiderio di scrivere musica politicizzata», ha detto Yorke. «Ma tutto quello che faccio va comunque in quella direzione».

LADY GAGA

Anche la Regina del nuovo pop si prepara a tornate con un nuovo album d’inediti, il sesto della sua carriera. Ad annunciarlo l’etichetta Polydor Records, che tramite le Instagram Story ha elencato le nuove uscite discografiche previste per il 2019, tra cui quella di Lady Gaga. Titolo e data d’uscita sono ancota top secret.

RED HOT CHILI PEPPERS

A tre anni da The Getaway i Red Hot Chili Peppers sono pronti a tornare. L’ha confermato il leader della band Anthony Kiedis in un’intervista a Dash Radio. Per la band questo sarà il terzo album con il chitarrista Josh Klinghoffer, che ha rimpiazzato Frusciante, e, se i tempi saranno rispettati, saranno tempi veloci per la band. Quel che è certo è che la band è entrata in studio a novembre 2018 e ci resterà almeno fino alla fine di gennaio.

ARIANA GRANDE

Non uno ma bensì due album per Ariana Grande. L’ha annunciato la popstar durante un’intervista per Billboard che le ha dedicato a copertina in occasione del premio assegnato ogni anno alla voce femminile di maggior prestigio.

THE 1975

Il prossimo disco dei The 1975 ha già un titolo (Notes On A Conditional Form) e una data d’uscita (31 maggio 2019). Il nuovo lavoro seguira di soli sei mesi l’uscita di A Brief Inquiry into Online Relationships, un album che si presenta come un caleidoscopio sulla società moderna, con i suoi limiti e le sue dipendenze.

LANA DEL REY

Lana Del Rey ha affermato di aver ultimato le registrazioni del nuovo album Norman Fucking Rockwell che conterrà le già note Mariners Apartment Complex e Venice Bitch, e un nuovo singolo uscirà nei prossimi giorni.

ADELE

Sembrerebbe essersi concluso il ritiro dalle scene di Adele. A tre anni di distanza dall’uscita di 25, la cantante inglese potrebbe tornare con un nuovo capitolo della sua discografia. A dare l’annuncio il The Sun, secondo il quale la cantante sarebbe tornata a Londra proprio per lavorare ai nuovi brani. Ma tranquilli, il tutto è in programma per gli ultimi mesi dell’anno.

SMASHING PUMPKINS

Vi è piaciuto Shiny and Oh So Bright? Allora probabilmente apprezzerete anche il nuovo lavoro della band che uscirà alla fine del 2019. A confermarlo Billy Corgan: «Ci troviamo in quella bizzarra posizione nella quale ci si dici: “Finiamo questo giro e poi prendiamo qualche decisione”. Abbiamo sicuramente intenzione di registrare un altro disco, con l’idea di farlo uscire alla fine del prossimo anno».

ED SHEERAN

Dopo l’enorme successo di Divide in mezzo mondo, Ed Sheeran ha annunciato l’uscita a breve (probabilmente entro la fine del 2019) di un progetto sperimentale, distante dai precedenti tre che hanno infranto tutti i record di permanenza nella classifica inglese e consacrato il cantante e musicista dai capelli rossi come nuovo fenomeno del pop d’autore. In un trafiletto apparso su Perez Hilton, il cantautore ha spiegato di essere a lavoro con due hitmaker che di certo non appartengono alla scena indipendente, ma sono anzi dei veri e propri assi del pop e dell’elettronica moderna. Sheeran ha incontrato di recente Max Martin e Shellback, che vantano tra i loro successi come compositori alcuni dei più grandi inni pop dell’ultima decade, da Shakes It Off di Taylor Swift a Hot and Cold di Katy Perry.

THE WHO

Il prossimo disco degli Who sarà probabilmente l’ultimo capitolo della loro carriera discografica. A rivelarlo Pete Townshend e Roger Daltrey durante una recente intervista per l’edizione statunitense di Rolling Stone. Il lavoro in studio – il dodicesimo della loro lunga carriera – uscirà probabilmente entro l’anno e sarà composto da «ballate oscure, roba heavy rock, elettronica sperimentale, brani campionati e melodie Who-ish che hanno inizio con una chitarra che va in yanga-dang». Insomma, un genere inedito per la band simbolo del rock & roll inglese.

IAN BROWN

“I’m an easy rider/Watch me while I ride and glide away”, canta Ian Brown in First World Problems, il singolo uscito oggi che anticipa il nuovo album (Ripples) in uscita il primo febbraio. Il ritorno dell’ex frontman degli Stone Roses è un segnale forte (fortissimo) per il rock e – soprattutto – per l’industria musicale inglese che negli ultimi anni sembra aver accantonato il sano vecchio rock a fronte della nuova ondata pop portata dai cantautori 2.0.

 

TIZIANO FERRO

Senza alcun dubbio quello di Tiziano Ferro è il disco più atteso del 2019. Dopo alcune anticipazioni diffuse nei mesi scorsi attraverso i propri social network, l’artista ha annunciato ufficialmente che il 22 novembre uscirà per Universal Music il suo nuovo album di inediti, che sta ultimando insieme al produttore statunitense Timbaland. Il nuovo lavoro arriva a tre anni di distanza dal precedente Il mestiere della vita.

FEDEZ

Quattro anni dopo Pop-Hoolista, con in mezzo la parentesi di Comunisti col Rolex insieme all’ex socio J-Ax, Fedez annuncia l’uscita del suo nuovo album da solista, sul mercato dal 25 gennaio.

FRANCO126

Il 25 gennaio uscirà invece il primo disco solista di Franco126, rapper romano diventato famoso per la sua collaborazione con il producer Carl Brave. Un progetto solista – ci ha anticipato Franco126 durante una recente intervista – che non comprometterà il duo, anzi hanno già in programma un secondo disco che però «non uscirà prima del 2020». «L’idea ovviamente è di continuare insieme. Abbiamo due anime che sono complementari e questo ha molto funzionato ma ora c’è un attimo il bisogno di esprimerci come solisti».

LIGABUE

Gli ultimi tre anni non sono stati per Ligabue proprio facili: prima un disco (Made in Italy) che ha convinto i fan a metà, poi il rinvio del tour nei palasport a seguito di un edema alle corde vocali. Il 2018 è stato invece l’anno dello stop durante il quale Ligabue ha registrato il nuovo album, il dodicesimo della sua carriera in uscita a marzo per Warner Music. Ad anticipare il nuovo lavoro in studio un singolo, Luci d’America, prodotto da Federico Nardelli, produttore di spicco della nuova scena pop (Gazzelle, Lorenzo Fragola, Emma Marrone), già in rotazione radiofonica.

COEZ

Con il suo ultimo disco è entrato nelle playlist più importanti di Spotify e ora si prepara a ripetere l’impresa con un nuovo lavoro in studio che uscirà nei prossimi mesi. Ad anticipare l’album È sempre bello, uno slogan emotivo, romantico e altrettanto disilluso. Scritto da Coez e prodotto da Niccolò Contessa, il beat della traccia conquista già dal primo ascolto: ci si sente compresi, al sicuro, come se d’improvviso ci si concedesse il lusso di accettare le proprie debolezze.