in ,

Sky Arte racconta il primo LP di Vasco Rossi

Il primo disco di Vasco Rossi compie quarant’anni (ma non li dimostra), Sky Arte lo festeggia con un documentario inedito in onda il 28 novembre

Vasco Rossi

Sky Arte inaugura la seconda stagione di 33 Giri-Italian Masters con una puntata dedicata a Ma cosa vuoi che sia una canzone…, il primo lavoro in studio di Vasco Rossi. Realizzata da Except, la produzione originale andrà in onda il 28 novembre, alle ore 21:15 su Sky Arte e sarà disponibile successivamente su Sky On Demand.

Nello speciale, Vasco siede davanti al mixer degli storici studi Fonoprint di Bologna per riascoltare il master del suo primo album, canta alcune di quelle canzoni e ricorda gli aneddoti più suggestivi legati al periodo, accompagnando il telespettatore dietro le quinte della fucina artistica musicale, mostrando tutti i livelli di una canzone, fino a far rivivere in prima persona il processo creativo del disco. Ci saranno i contributi di Gaetano Curreri (produttore degli esordi), Biancani, Mangiarotti e del bassista dell’epoca Giovanni Oleandri ad arricchire la puntata, che chiuderà – come l’album – con la strumentale Ciao, eseguita dal vivo al pianoforte dallo stesso Curreri, a cui si deve il merito di aver insistito fino allo sfinimento con l’amico Vasco perché incidesse le canzoni che scriveva.

Oggi che tutti sanno chi è e cosa rappresenti l’artista nell’immaginario del nostro Paese, Ma cosa vuoi che sia una canzone… merita più che mai di essere ascoltato con attenzione, e siamo certi che molti lo scopriranno davvero come fosse la prima volta. Pubblicato nel pieno dell’epoca dei cantautori cosiddetti impegnati, il disco era fuori da tutto – soprattutto dall’idea dell’iconografia del cantautore di allora – e Vasco era già dentro il rock: cosi arrivò un album fuori da ogni registro, sparigliando le regole discografiche dell’epoca.